language

Villa d'Este | Lot 126

1964 Alfa Romeo TZ Coupé

€627,200 EUR | Sold

Italy | Cernobbio, Italy

21 May 2011


Chassis No.
750006

150 bhp, 1,570 cc DOHC inline four-cylinder engine, five-speed manual gearbox, four-wheel independent coil-spring suspension, and four-wheel hydraulic disc brakes. Wheelbase: 2,200 mm (86.6")

- One of the most important TZs in existence, race-prepared new for Alfa Romeo by Autodelta

- Entries at the Targa Florio, Le Mans 24 Hours, Monza 1000 Kms and Tour de France

- Landmark Alfa Romeo model with gorgeous aluminium Zagato coachwork

- Fully restored by Piet Roelofs Engineering to 1964 Le Mans configuration and livery

- Single-family ownership for 23 years

One of the most desirable of all of the post-war Alfas, TZs were and continue to be considered as Alfa Romeo’s version of Ferrari’s GTO. Ranking in rarity with the very best sports cars, only about 112 were built between 1963 and 1967. At the October 1963 FISA Cup at Monza, Alfa introduced a competition Giulia, named “TZ” for its “Tubolare” space frame chassis and striking lightweight "Zagato" coachwork. At this race, TZs finished 1-2-3-4 in their class – an extraordinary debut achievement. In 1964, the TZ was FIA-homologated and immediately began logging an impressive string of victories.

TZs raced in the most important races, were driven by some of the best drivers at the time and competed against the likes of Ferrari 250 GTOs, Shelby Cobras, Maserati Birdcages and Porsche 904s. At the 1964 Targa Florio alone, Porsche took the first two spots with 904s, Alfa Romeo came in third and fourth with TZs, and Ferrari with their 250 GTOs took fifth. Class wins at Sebring, Le Mans and the Nürburgring that year also solidified the TZ’s position within the annals of motorsport. Without a doubt the TZ was a highly competitive road car, but the outstanding chassis provided very predictable handling and made for a virtually unbreakable rally car as well, with a TZ winning the Alpine Rally outright in 1964.

Its design is unrivalled as well. The stunning bodies were built by Zagato at a time when the coachbuilder produced some of its greatest designs, including the Aston Martin DB4 GTZ, Maserati A6G/54 and Ferrari 250 GTZ.

Chassis no. 750006

According to research, as well as the Zagato TZ Registry, chassis 750006 was completed and race-prepared by Autodelta for the Alfa Romeo DIPRE ESPE (Experimental Department) and invoiced on 2 April, 1964. This was to be one of the few Autodelta-prepared TZ chassis that were built. The later competition cars were derived from the standard homologation cars and are therefore not as rare or desirable. As such, chassis 750006 was fitted with special outboard front shock mounts, a close-ratio gearbox and a larger radiator header tank.

Soon after, it was purchased by Eugenio Dragoni’s Scuderia Sant’Ambroeus, which was organised during the late 1950s by Dragoni, a successful Italian cosmetics magnate with a passion for motor sports and a close relationship with Ferrari. The team was very successful in the 1962-1966 period, winning both a driver’s and constructor’s title in Grand Prix racing, four sports car championships and three consecutive Le Mans titles.

Barely three weeks after acquisition on 24 April, 1964, it is understood 750006 was assigned temporary road registration 68328 W6 and race number 58 in preparation for entry into the Targa Florio. While the historic Targa Florio archives are not accessible, there is photographic evidence that corroborates the car and driver’s participation in the various stages of the race. It was piloted by Roberto Bussinello and Nino Todaro, who finished the 720-km, 10-lap race in third position overall with lap times only 16 seconds slower than the race-winning Porsche 904 GTS “works” entry – a superb achievement.

In June 1964, chassis 750006 contested the Le Mans 24-Hour race, where it battled against a squadron of Porsche 904s, Ferrari 250 GTOs and V-8 Shelby Cobras, among other GT-class entries. Original Le Mans paperwork confirms that chassis number 750006 was indeed assigned race number 41 on the grid. Although the car faced a horsepower disadvantage, 750006, with Giampiero Biscaldi and Giancarlo Sala driving, managed 15th overall and 10th in GT, with 4,102 kms completed in 305 laps.

Alone, both Targa Florio and Le Mans history contribute immeasurably to a car’s competition pedigree, but 750006 racing days weren’t over yet. In September, the car was jointly entered into the Tour de France Auto by Autodelta and Scuderia Sant’Ambroeus, where it was co-driven by Jean Hébert and Georges Burggraf and carried race number 142. Unfortunately, it crashed on day three and retired.

In March 1965, Giancarlo Sala, who co-drove 750006 at Le Mans, bought the car from Scuderia Sant’Ambroeus. Entered by his local Scuderia Brescia Corse, it contested the Monza 1,000-km race on 25th April, driven by Sala and Giorgio Pianta. Carrying race number 26, it experienced engine trouble on lap 58 and failed to finish the race. Following the Monza race, Sala entered 750006 into the Trofeo Vallecamonica in Brescia, Italy, where it finished 6th in class on number 157.

Sala continued to race 750006 in Italy during 1966, 1967 and 1968, finally entering the 1969 Targa Florio that May, where it failed to finish. In an effort to remain competitive through weight reduction, Sala removed all paint from the inner and outer bodywork of 750006 at some point in 1967, an idea inspired by the bare-aluminium Porsches that he had seen earlier at the Nürburgring. The car remained in bare aluminium until its eventual restoration during the 2000s.

Current ownership and authentication

Sala retained the TZ for another 13 years, finally selling it to Ambrogio Gallotti in June 1982. In 1985, 750006 was entered into the Registro Italiano Alfa Romeo (RIAR) under the number 190. Mr. Gallotti then sold it to Francis Fabulet, a Parisian who entered the car into a number of historic rallies, in December 1986. The current owners acquired 750006 from Mr. Fabulet via Guido Bartolomeo in November 1987. Restoration work was eventually begun with Piet Roelofs Engineering in Holland, who returned the car to its 1964 Le Mans configuration and livery and finished the restoration just last year. Due to the condition of the bare aluminium body, much of the skin had to be replaced. The roof and most inner components of the body, however, remain original, and it should be noted that the original aluminium skin of the body will be included with the sale of the car.

Following restoration, a shakedown run confirmed the startling performance of 750006 and the knee-weakening sound of its DOHC double-ignition engine at full throttle. In July 2010, the TZ was entered into the prestigious Le Mans Classic and also took to the show field at the Le Mans Heritage Club Concours, where it was awarded first in class. On 4th and 5th September, the TZ was entered in the Paleis Het Loo Concours d’Elegance, where it was awarded second in its class. Most recently, 750006 was exhibited at Auto Moto Italia in Houten, Holland in October 2010, followed by a December 2010 appearance at the Essen Motor Show in Germany.

In order to definitively confirm the car’s authenticity and identity, 750006 was taken to Italy in February 2011 and submitted to the rigorous scrutiny of a homologation and authentication session at the factory-supported Registro Italiano Alfa Romeo. Thoroughly examined by Alfa Romeo experts Maurizio Tabucchi and Lorenzo Marzullo, 750006 passed with flying colours and probably set the standard for TZs to come. The current owners have applied for, and have been granted, the most elaborate certification, the “Certificazione di Autenticita,” which will be included with the car.

As offered, this TZ completes nearly a quarter-century of ownership by a single family of true enthusiasts. Chassis 750006 is acknowledged as one of the finest TZs in existence today. With its outstanding period racing history at some of the most storied racing events and venues, it is eligible for today’s most prestigious vintage racing and rally events and is complete with an extensive file containing historic photographs and documentation. For sports racing and Alfa Romeo enthusiasts, this may very well be an unrepeatable opportunity.

150 cv, motore quattro cilindri in linea di 1.570 cc con doppio albero a camme in testa, cambio manuale a cinque marce, sospensioni anteriore e posteriore a ruote indipendenti con ammortizzatori a molla, freni a disco a comando idraulico. Passo: 2.200 mm (86.6")

- Una delle più importanti TZ, preparata per le corse dalla Autodelta per l'Alfa Romeo

- Ha partecipato alla Targa Florio, 24 Ore di Le Mans, 1000 Km di Monza e Tour de France

- Pietra miliare nella produzione modelli Alfa Romeo con splendida carrozzeria in alluminio di Zagato

- Completamente restaurata da Piet Roelofs Engineering nella configurazione e livrea di Le Mans 1964

- Per 23 anni di proprietà della stessa famiglia

Una delle più desiderabili Alfa del dopo-guerra, le TZ erano e continuano ad essere considerate la Ferrari GTO dell'Alfa Romeo. Gareggiando per rarità con le più superlative vetture sportive, ne furono costruite solo 112 fra il 1963 e il 1967. Alla Coppa Fisa a Monza nell'ottobre 1963, l'Alfa presentò una Giulia da competizione, denominata “TZ” per il telaio “Tubolare” e la sensazionale carrozzeria leggera di "Zagato". Nella corsa, le TZ si classificarono al 1°, 2°, 3° e 4° posto di classe, un debutto straordinario. Nel 1964 furono omologate FIA e immediatamente cominciarono ad accumulare un impressionante palmares di vittorie.

Le TZ parteciparono alle corse più importanti, furono guidate da alcuni dei migliori piloti dell'epoca e gareggiarono alla pari con le Ferrari 250 GTO, le Shelby Cobra, le Maserati Birdcage e le Porsche 904. Solo alla Targa Florio del 1964, le Porsche 904 si classificarono al primo e secondo posto, le Alfa Romeo TZ al terzo e al quarto, e la Ferrari 250 GTO al quinto. Le vittorie di classe di quello stesso anno a Sebring, Le Mans e Nürburgring consolidarono la posizione della TZ negli annali del motorismo sportivo. Senza dubbio la TZ fu una stradale sportiva altamente competitiva ma l'eccezionale telaio offriva una prevedibile facilità d'uso e la rendeva una vettura da rally virtualmente indistruttibile, come dimostrato dalla vittoria assoluta all'Alpine Rally del 1964.

Anche lo stile è impareggiabile. Le stupende carrozzerie furono costruite da Zagato nello stesso periodo in cui il carrozziere creò alcune delle sue più belle vetture, come l'Aston Martin DB4 GTZ, la Maserati A6G/54 e la Ferrari 250 GTZ.

Il telaio 750006

Secondo ricerche dettagliate, così come secondo il Registro Zagato TZ, il telaio 750006 fu completato e preparato dall'Autodelta per il DIPRE ESPE (Direzione Progettazione Esperienze) della Alfa Romeo e fatturato il 2 aprile 1964. Sarebbe stato uno dei pochi telai TZ preparati direttamente dall'Autodelta. I successivi esemplari da competizione sarebbero derivati dalle vetture di produzione e sono quindi meno rari e desiderabili. Come tale, il telaio fu dotato di speciali attacchi esterni per gli ammortizzatori anteriori, rapporti al cambio ravvicinati e radiatore maggiorato.

Poco dopo, la vettura fu acquistata dalla Scuderia Sant’Ambroeus, che era stata creata alla fine degli anni Cinquanta da Eugenio Dragoni, un industriale italiano di successo nella cosmetica con la passione per le corse e direttore sportivo della Ferrari nel periodo 1962-1966; in quegli anni la Ferrari conseguì grandi successi, con un titolo costruttori e uno piloti nei Gran Premi, quattro campionati marche e tre vittorie a Le Mans.

Si può dedurre che appena tre settimane dopo l'acquisto, il 24 aprile 1964, alla 750006 fu assegnata la targa provvisoria 68328 W6 e il numero di gara 58 per la partecipazione alla Targa Florio. Sebbene l'archivio storico della Targa Florio non sia consultabile, ci sono prove fotografiche che dimostrano la partecipazione della vettura e dei piloti alle varie fasi della corsa. Essa fu guidata da Roberto Bussinello e Nino Todaro, che finirono i 10 giri per 720 km della gara al terzo posto assoluto, con tempi sul giro di soli 16 secondi più alti di quelli della Porsche 904 GTS ufficiale vittoriosa, davvero un grande risultato.

Nel giugno 1964, la 750006 partecipò alla 24 Ore di Le Mans, battendosi, fra le vetture della Classe GT, con le Porsche 904, le Ferrari 250 GTO e le Shelby Cobra. Un documento d'archivio originale conferma che alla 750006 fu assegnato il numero di corsa 41. Nonostante la minore potenza, la vettura, guidata da Giampiero Biscaldi e Giancarlo Sala, giunse 15° assoluta e 10° della Classe GT, coprendo 305 giri per un totale di 4.102 km.

Da sole la Targa Florio e Le Mans contribuiscono in modo incommensurabile al pedigree di una vettura da corsa, ma il tempo delle corse per la 750006 non si era ancora concluso. In settembre, essa fu iscritta congiuntamente dall'Autodelta e dalla Scuderia Sant’Ambroeus al Tour de France, dove fu guidata da Jean Hébert and Georges Burggraf con il numero di gara 142. Sfortunatamente, ebbe un incidente nella terza tappa e si ritirò.

Nel marzo 1965, Giancarlo Sala, che l'aveva guidata a Le Mans, acquistò la 750006 dalla Scuderia Sant’Ambroeus. Iscritta dalla Scuderia Brescia Corse, il 25 aprile la vettura corse la 1000 Km di Monza, guidata da Sala e Giorgio Pianta. Con il numero di gara 26, ebbe problemi di motore al 58° giro e non terminò la corsa. Dopo Monza, Sala iscrisse la 750006 al Trofeo Vallecamonica, in Italia, dove, con il numero di gara 157, si piazzò sesto di classe.

Sala continuò a gareggiare con la 750006 in Italia nel 1966, 1967 e 1968 e infine alla Targa Florio di maggio 1969, dove fu costretto al ritiro. Allo scopo di rimanere competitivo tramite la riduzione del peso, nel corso del 1967 Sala rimosse tutta la vernice dall'interno e dall'esterno della carrozzeria, un'idea ispirata dalle Porsche in alluminio nudo che aveva visto in precedenza al Nürburgring. La vettura rimase priva di verniciatura fino al restauro negli anni Duemila.

Attuale proprietà e verifica della autenticità

Sala tenne la TZ per altri 13 anni fino al giugno 1982 quando la vendette a Ambrogio Gallotti. Nel 1985, la 750006 fu iscritta nel Registro Italiano Alfa Romeo (RIAR), al numero 190. Nel dicembre 1986, Gallotti vendette la vettura a Francis Fabulet, un parigino che la iscrisse a numerosi rally storici. Gli attuali proprietari la acquistarono da Fabulet nel novembre 1987 tramite Guido Bartolomeo. Il restauro fu affidato alla Piet Roelofs Engineering, in Olanda, che ha riportato la vettura nella configurazione e livrea di Le Mans 1964, ultimando i lavori solo l'anno scorso. A causa delle condizioni della carrozzeria in alluminio nudo, gran parte della pelle è stata sostituita. Il tetto e la maggior parte dei componenti interni della carrozzeria, comunque, sono originali e si noti che la pelle originale in alluminio della carrozzeria è inclusa nel lotto.

Dopo il restauro, un'accurata prova ha confermato le eccezionali prestazioni della 750006 e il rombo possente a pieno regime del motore bialbero a doppia accensione. Nel luglio 2010, la TZ fu iscritta alla prestigiosa Le Mans Classic e anche al concorso del Le Mans Heritage Club, dove fu premiata come la migliore della classe. Il 4 e 5 settembre, ha partecipato al Concorso d'Eleganza del Paleis Het Loo e premiata come seconda della classe. In tempi più recenti, è stata esibita all'Auto Moto Italia a Houten, in Olanda, nell'ottobre 2010 e in dicembre al Motor Show di Essen, in Germania.

Allo scopo di confermare definitivamente la sua autenticità e identità, nel febbraio 2011 la 750006 fu portata in Italia e sottoposta all'esame severo di una commissione di omologazione e autenticazione del Registro Italiano Alfa Romeo. Scrupolosamente esaminata dagli esperti Alfa Romeo Maurizio Tabucchi e Lorenzo Marzullo, la 750006 è stata promossa a pieni voti e ha probabilmente fissato gli standard per le prossime TZ. Gli attuali proprietari hanno richiesto, ed è stata loro assegnata, la certificazione più completa, la “Certificazione di Autenticita,” che accompagnerà la vettura.

Così come è offerta, questa TZ è da quasi un quarto di secolo di proprietà di una famiglia composta da veri appassionati. La 750006 è riconosciuta come una delle più belle TZ oggi in esistenza. Con la sua spettacolare storia agonistica grazie alla partecipazione all'epoca ad alcune delle più importanti corse, può partecipare alle più prestigiose manifestazioni storiche odierne ed è offerta con un ricco dossier contenente foto storiche e documentazione. Per gli appassionati di corse e di vetture Alfa Romeo, questa si può considerare un'opportunità irripetibile.

Suggested lots