Lot Number
105

1985 Ferrari 288 GTO

Sold For €1.904.000

Inclusive of applicable buyer's fee.

RM | Sotheby's - VILLA ERBA 2015


Chassis No.
Engine No.
Gearbox No.
Body No.
ZFFPA16B000052475
90
85
6
  • Spiritual successor to the 250 GTO
  • One of only 272 examples; matching numbers throughout
  • Delivered with power windows and air conditioning
  • Compliant with U.S.A. EPA legislation
  • Recent major service by Ferrari specialists

400 bhp, 2,855 cc DOHC mid-mounted V-8 engine with twin IHI turbochargers, Behr intercoolers, and Weber-Marelli electronic fuel injection, five-speed manual transmission, four-wheel independent suspension, and four-wheel ventilated disc brakes. Wheelbase: 2,450 mm

THE GTO REINVENTED

The Ferrari 250 GTO, considered by many to be the finest sports racer Ferrari had ever produced, is the stuff of legend. The car was aided by an incredible racing record and sensational driving dynamics, but it earned its reputation the hard way, through victories in the toughest races the world had to offer. For Ferrari to even consider reviving the legendary moniker, any new GTO would have to match or surpass the 250 GTO’s record in motorsport.

The new GTO, commonly referred to as the 288 GTO, was born from the FIA Group B race and rally homologation regulations that had been introduced for 1984, meaning that, like many of the greatest racing cars in the past, it was built for the public largely so that racing versions could take to the track. Rules required a minimum of 200 road going examples to be built, but so great was the response from Ferrari’s most loyal and well-heeled customers that around 272 examples were built.

Despite the fact that Group B was ultimately cancelled and Ferrari’s fully developed and homologated car had no series to compete in, it was clear from the outset that this was a very special car and that the 288 GTO was certainly not going to disappoint the brand’s fans or customers, even without a place to race.

The car was styled by Pininfarina's Leonardo Fioravanti, the creator of the stunning 365 GTB/4 “Daytona”, and he later recalled Enzo Ferrari’s original design brief: “There was no specific instruction, just to produce a car based on the 308 GTB that could be used for racing”.

Although clearly following design cues from the 308, the 288 GTO was much more aggressive-looking, and in a fitting tribute to the 250 GTO, the rear wings had three cooling slots behind the wheels. Perhaps surprisingly, the road going 288 GTO was no spartan racer inside, as it boasted leather-upholstered Kevlar-framed bucket seats, optional air conditioning, electric windows, an AM/FM radio-cassette player, and a dashboard filled with a 10,000-rpm tachometer, a turbo boost gauge, oil temperature and pressure gauges, and a water temperature gauge.

The fact that the 288 GTO could reach a huge top speed of 189 mph was simply another reason for its almost guaranteed success, as it made the 288 GTO the fastest road car ever produced at the time of its unveiling,.

CHASSIS NUMBER 52475

According to the research of noted Ferrari historian Marcel Massini, the factory issued the certificate of origin for this 288 GTO, chassis number 52475, on 30 January 1985, and it was first registered on 6 February by Crepaldi Autos, of Milan. This early European-specification example has spent the majority of its early life in Italy. It wears body number 6 and is one of the earliest 288 GTOs manufactured during the limited production run. Additionally, it was delivered new with desirable power windows and air conditioning.

As one would expect of perhaps the most special Ferrari produced for many years, and one under keen and enthusiastic ownership, this outstanding 288 GTO was a regular participant in many Ferrari gatherings. These included the Ferrari Parade of Crepaldi at Monza in September 1986 and an appearance in Autoluce’s 1987 calendar. In 1987, under the ownership of Mr Fausto Pieroni, of Modena, 52475 took part in the 25th Anniversary GTO celebration at Mas du Clos in France, and it again took part in the Crepaldi parade in Monza. That same year, having travelled just 6,000 kilometres, 52475 attended the 40 Years of Ferrari gathering at Imola. Throughout its early life in Italy, this stunning GTO was regularly maintained by Motor Service S.r.l., and 10 years later, it attended Ferrari’s 50th anniversary meeting in Modena.

After passing through several new owners, 52475 was purchased by a Southern California-based collector of rare and modern road cars that were specifically engineered for racing. Upon arrival in the United States, the car was modified to meet U.S.A. EPA legislation. Later, this owner was able to fulfil his passion and build a collection that included such vehicles as Lamborghinis, a Porsche 959, an F50, and two F40s (including the F40 GT raced by the Monte Shell team). Adding a 288 GTO to his stable was perhaps the icing on the cake. As a Ferrari race team owner, it comes as no surprise that this owner had his own personal staff of mechanics, who have serviced this 288 GTO throughout his long-term ownership. Indeed, 52475 was garaged throughout his ownership and only saw the light of day to participate in regular charity events, where it was always transported to rather than arriving under its own power. By this owner’s estimate, 52475 covered only around 300 miles during his ownership of more than a decade.

This GTO, now showing just 31,000 miles on its odometer, has recently benefitted from a major service by a renowned Ferrari specialist in the UK, with the work including upgrading the cam belts and installing new tyres, . This incredible limited-production Ferrari is also offered with its original books and tools.

The 288 GTO was the first in a series of limited-edition Ferrari supercars, which eventually culminated into the recent LaFerrari. Whilst many supercars lose their appeal over time, the analogue 288 GTO stands almost alone in having its reputation enhanced, and its appeal is now greater than ever.


400 cv, 2.855 cc doppio albero a camme in testa, motore V-8 con due turbine IHI, intercooler Behr, iniezione elettronica Weber-Marelli, cambio manuale a 5 rapporti, sospensioni indipendenti e 4 freni a disco ventilati. Passo: 2.450 mm

• La succeditrice spirituale della 250 GTO

• Solo 272 esemplari prodotti; completamente matching numbers

• Dotata di alzacristalli elettrici ed aria condizionata

• Conforme alla normativa U.S.A. EPA

• Recentemente revisionata da specialisti del Marchio Ferrari

LA GTO RINATA

La 250 GTO è considerata da molti come la Ferrari da corsa meglio riuscita e gode di una fama leggendaria. Caratterizzata da un'incredibile presenza nelle gare di inizio anni 60 ed essendo dotata di una sensazionale dinamica di guida, si è giustamente guadagnata la sua reputazione con vittorie nelle gare più difficili e massacranti del mondo. Affinché la Ferrari facesse un nuovo modello degno della sigla GTO, avrebbe dovuto fare una macchina capace di eguagliare o superare il record della 250 GTO nelle competizioni.

La nuova GTO, comunemente indicata come 288 GTO, nacque dai regolamenti FIA del 1984 per le omologazioni del Gruppo B per auto da rally e da pista. Ciò indicava che come per le grandi macchine da corsa del passato era costruita in serie per il pubblico in modo che le versioni preparate da gara potessero essere ammesse alle competizioni internazionali. I regolamenti imponevano come minimo una produzione di 200 esemplari, ma questa macchina riscosse un tale successo fra i clienti più affezionati e facoltosi della Ferrari che alla fine vennero costruiti ben 272 esemplari.

Sebbene il Gruppo B fu poi soppresso e la macchina sviluppata ed omologata dalla Ferrari non avrebbe avuto alcuna categoria in cui competere, la 288 GTO rimaneva un'auto straordinaria che non avrebbe mai deluso nessun ammiratore o cliente della Ferrari, anche se non sarebbe mai scesa in pista.

Lo stile della macchina fu realizzato da Leonardo Fioravanti della Pininfarina, lo stesso disegnatore dell'incredibile 365 GTB/4 Daytona. Egli ricordò così le direttive originali di Enzo Ferrari su come avrebbe dovuto essere la macchina: "non c'erano istruzioni specifiche, si trattava solo di costruire un'auto basata sulla 308 GTB che potesse essere usata per le gare".

Sebbene si fossero seguiti gli stilemi della 308, la 288 GTO era caratterizzata da un aspetto più aggressivo. Come omaggio alla 250 GTO furono messe 3 alette di sfogo del calore motore dietro le ruote posteriori. Può sorprendere che la 288 non aveva un interno spartano tipico delle auto da corsa purosangue, ma era aveva sedili a guscio, in pelle, con intelaiatura in kevlar ed erano offerti optional anche aria condizionata, alzacristalli elettrici e radio AM/FM con mangiacassette. Il cruscotto era completo di un tachimetro con fondoscala a 10.000 giri, indicatori di temperatura e pressione di acqua ed olio.

Al momento della sua presentazione, la 288 GTO era l'auto di serie più veloce in assoluto, capace di raggiungere la ragguardevole velocità massima di 304 km/h. Ciò ne garantì il successo commerciale immediato.

IL NUMERO DI TELAIO 52475

Secondo le ricerche svolte dal noto storico Ferrari Marcel Massini, la Fabbrica ha rilasciato per questa 288 GTO telaio numero 53475 un certificato di originalità in data 30 Gennaio 1985 e fu immatricolata per la prima volta il 6 febbraio dello stesso anno dalla Crepaldi Auto di Milano. Questo esemplare consegnato con specifiche europee ha passato la maggior parte della sua vita in Italia. Il numero di identificazione è il 6 e questo la posiziona fra le prime 288 GTO prodotte. La macchina è stata consegnata da nuova già fornita con aria condizionata e alzacristalli elettrici.

Essendo una delle Ferrari più importanti e speciali prodotte negli ultimi anni , questa 288 GTO è stata posseduta per anni da un vero appassionato che la iscrisse regolarmente ai raduni ed eventi Ferrari. Fra questi eventi la macchina ha partecipato alla parata Ferrari della Crepaldi a Monza nel settembre 1986 e vanta una presenza nel calendario Autoluce del 1987. Sempre nello stesso anno il telaio numero 52475 partecipò insieme al Proprietario, il Sig. Fausto Pieroni di Modena, al 25esimo anniversario della GTO presso Mas du Clos in Francia e ancora una volta alla parata Ferrari di Crepaldi. Sempre nell '87, dopo una percorrenza di soli 6.000 km, la 52475 partecipò al grande raduno ad Imola per i 40 anni della Ferrari. Nel corso della sua permanenza in Italia, questa meravigliosa GTO fu regolarmente manutentata dalla Motor Service S.r.l. e partecipò 10 anni più tardi al raduno dei 50 anni della Ferrari a Modena.

Dopo essere stata venduta e passata per più proprietari, la 52475 fu acquistata da un collezionista americano della California del Sud specializzato in auto rare e moderne, tutte strettamente derivate dal mondo delle corse. Una volta giunta negli Stati Uniti, la macchina fu modificata per essere conforme alle normative dell' EPA americana. Questo proprietario realizzò il suo sogno di mettere insieme una collezione di auto di prestigio comprendente delle Lamborghini, una Porsche 959, una F50 e due F40 (inclusa la versione GT portata in gara dal team Monte Shell). L'aggiunta della 288 GTO alla suo garage costituì forse la ciliegina sulla torta. Essendo il proprietario di un team corse Ferrari non deve sorprendere se la macchina sia stata mantenuta da uno staff privato di meccanici, che hanno provveduto a tenere in ottima forma questa GTO nel corso della sua permanenza a lungo termine nelle mani dello stesso proprietario.

Nonostante ciò, il telaio numero 52475 fu tenuto fermo in garage per la maggior parte del tempo e fu usata solo per partecipare regolarmente ad eventi di beneficienza, dove è sempre stata trasportata e non è mai stata usata su strada.

Stando alle stime del proprietario, questo esemplare ha percorso solo 300 miglia nei 10 anni in cui l'ha posseduta.

Questa GTO segna solo 31.000 miglia sull'odometro ed è stata recentemente sottoposta ad una completa revisione da un noto specialista Ferrari nel Regno Unito, il quale ha installato nuove cinghie di distribuzione e montato gomme nuove. Questa magnifica Ferrari in produzione limitata è fornita anche dei suoi libretti originali e kit degli attrezzi.

La 288 GTO è stata la prima delle serie speciali limitate Ferrari, culminate con la recente LaFerrari. Sebbene molte supercar perdano il loro appeal nel tempo, l'analogica 288 GTO è un caso a sé stante, in quanto ha incrementato negli anni la propria bellezza e il proprio valore, giunto ad un picco massimo negli anni recenti.



Suggested lots

8 December 2018

The Petersen Automotive Museum Auction

Petersen Automotive Museum, Los Angeles, California

RM | SOTHEBY'S

17 - 18 January 2019

Arizona

Arizona Biltmore Resort & Spa, Phoenix, Arizona

RM | SOTHEBY'S