Lot Number
112

1973 Porsche 911 Carrera RS 2.7 Sport Lightweight

Sold For €1.008.000

Inclusive of applicable buyer's fee.

RM | Sotheby's - VILLA ERBA 2015


Chassis No.
Engine No.
9113600649
6630653
  • One of just 200 M471 lightweight “Sport” versions
  • A matching-numbers example; four documented owners from new
  • Freshly and thoroughly restored by Porsche specialists, with no expense spared
  • The “must-have” for any serious Porsche collector

210 bhp, 2,687 cc SOHC air-cooled horizontally opposed six-cylinder engine with Bosch mechanical fuel injection, five-speed manual transmission, independent front and rear suspension, and four-wheel disc brakes. Wheelbase: 2,268 mm

In the early 1970s, Porsche wanted to build on the success of its world-beating Type 917 endurance prototypes, but it faced a dilemma: the muscular five-litre 917 had been regulated out of existence by the FIA, which set a new displacement maximum of three litres for the World Championship of Makes. In response, Porsche’s competition department decided to create a small series of purpose-built race cars based on the production 911 for the FIA’s Group 5 Special Grand Touring class. They would be called the Carrera 3.0 RSR. To meet the FIA’s Group 5 regulations, a minimum of 500 street-legal Group 4 cars would have to be constructed and sold within one year. To emphasise the car’s racing heritage, they were dubbed the Carrera RS and two versions would be offered, the M472 Touring, which had a great deal of standard 911 S equipment, and the stripped-down M471 Sport, which was more commonly known as the Lightweight.

To Porsche’s amazement, the first run of 500 cars quickly sold out on word-of-mouth, even before the Carrera RS made its public debut at the 1972 Paris Auto Show. A second run of 500 units was approved, comprised mostly of Touring versions. The company, realising that the first cars had been under-priced, boosted the retail price by another 1,000 Deutschmarks, but these, too, quickly sold, and a third run was completed at an even higher price. Eventually, a total of 1,590 Carrera RSs (including prototypes and homologation units) left the factory.

The Carrera RS Touring and its competition-oriented sister made extensive use of lightweight materials. Fiberglass was used for the engine cover and front and rear bumpers (Series 2 Touring models had steel rear bumpers). The rear quarter panels were artfully widened to accept wider seven-inch wheels and tyres (the front wheels remained six inches wide). What was to become the RS’s trademark feature, the “ducktail” rear spoiler, was added to the engine cover after wind-tunnel testing had demonstrated that it was very effective at increasing high-speed stability by reducing rear-end lift.

Whilst the Touring version was intended for road use, the M471 Lightweights were aimed at club-level racers. This very exclusive series, of which only 200 were produced, scaled only 975 kilograms, about 100 kilograms less than the Touring model, which was accomplished through the utilisation of thinner-gauge steel for their wings, roof panel, and doors and thinner and lighter (and very expensive) clear glass from the Belgian firm Glaverbel. This special glass was fitted to most Series 1 Lightweights but only a few from the second series where available with this option. There was no sound insulation, and only very thin carpeting and simple rubber mats covered the floor, whilst the rear folding seatbacks, sun visors, dashboard clock, radio, and glovebox door were deleted. The standard armrests and latch handles were replaced by simple plastic pull handles and pull-cord door releases. As the story goes, Tony Lapine’s styling department conceived the now-famous “negative” Carrera side striping after Lapine happened to glance at the negative of a photograph taken of the car wearing its originally planned “positive” lettering.

The heart of the Carrera RS was a new six-cylinder engine of 2.7 litres. The 2.4-litre 911 S’s 70.4-millimetre pistons and cylinders were replaced with 90-millimetre aluminium barrels which were coated with Nikasil (Nickel-silicon carbide) for improved lubrication and wear characteristics. With this increased displacement, 8.5:1 compression, and Bosch mechanical fuel injection, the new Type 911/83 engine developed a reliable 210 brake horsepower at 6,300 rpm and 202 foot-pounds of torque at 5,100 rpm. Also new was the stronger Type 915 five-speed manual transmission, which replaced the old Type 901 with its “dog-leg” first gear.

This beautiful Series 2 Carrera RS Sport was the 649th RS built and amongst 160 finished in Light Ivory (code 131). It was trimmed with red Carrera graphics and the spokes of the anodised Fuchs forged alloy wheels were painted to match. The interior was a black leatherette, and as a Lightweight, this RS was fitted with a pair of Nylon-upholstered Recaro competition seats with adjustable headrests. There is a mix of Glaverbel and Sekurit glass, and the backlight is heated. The car was delivered with several items that are included on the Touring version, such as a glovebox door and a standard Porsche badge on its bonnet instead of a decal. The lightweight rear lid has a pair of rubber hold-downs as well. Only a few options were specified, including a 40-percent limited-slip differential. Per usual, both the clock and radio were deleted.

Chassis 600649 left the factory on 1 February 1973 and was shipped through Porsche’s Italian distributor to a dealer in Torino. It enjoyed long-term ownership by two local enthusiasts before coming into possession of ITALCLASSIC, a company owned by the former president of the ASI (Automotoclub Storico Italia), Vittorio Zanon (ASI President 1987–1997), and managed by Maurizio Tresoldi on his behalf. In 1995, it was acquired by the present Italian owner. He more recently embarked on a complete restoration of the Carrera RS, entrusting it to Porsche specialists at Tirelli Motorsport in Turin. This time-consuming work was recently completed at a cost of some €225,000 and included a complete disassembly and stripping of the tub to bare metal, a fresh re-spray in the car’s original and correct colour, the installation of a new interior, and a complete mechanical overhaul. The restoration was fully photo-documented. The odometer reads just over 67,000 kilometres, which are believed to be original and correct.

Here is an extremely rare opportunity to acquire what is certainly amongst the finest Carrera RS M471 Lightweights extant, one that has been newly restored to its original mechanical and cosmetic specification and has a small number of owner-added improvements, including a handsome four-spoke leather steering wheel, a front strut brace, and twin outside mirrors. The car, including the undercarriage, is presented in immaculate condition inside and out. Not only would it be a perfect addition to any collection of fine high-performance sports cars, but it would also be a worthy candidate for both concours d’elegance and vintage rallies anywhere in the world.

The sound of a fuel-injected Carrera RS at full song is amongst the most glorious aural experiences imaginable, and 600649 is ready to provide its next owner with that wondrous symphony whilst showing its heels to any number of more modern sports cars.


210 cv, 2.687 cc mono albero a camme in testa, motore sei cilindri boxer raffreddato ad aria con iniezione meccanica Bosch, cambio a 5 marce, sospensioni a ruote indipendenti anteriori e posteriori,quattro freni a disco. Passo: 2.268 mm

• Una delle sole 200 versione M471 “Sport” Lightweight

• Esemplare matching numbers; quattro proprietari da nuova

• Appena restaurata completamente e senza economie, presso uno specialista Porsche

• Un vero e proprio “must” per ogni serio collezionista Porsche

Nei primi anni ’70 Porsche voleva continuare a sfruttare il successo ottenuto, su scala mondiale, dai sui prototipi Tipo 917, costruiti per il campionato Endurance, ma si è trovata di fronte ad un imprevisto: la FIA ha bandito i potenti motori 5 litri utilizzati sulla 917, imponendo una cilindrata massima di 3 litri per chi disputava il Campionato Mondiale marche. In risposta a questa nuova regola, il reparto corse di Porsche ha deciso di creare una piccola serie di vetture da corsa appositamente assemblate, basate sulla 911 di serie, da far correre nella classe col regolamento del Gruppo 5 Special Gran Turismo. Il nome prescelto sarebbe stato Carrera 3.0 RSR. Per soddisfare il regolamento FIA Gruppo 5, sarebbe stato necessario produrre un minimo di 500 vetture, tutte omologabili per la strada come Gruppo 4, che avrebbero dovuto essere vedute entro un anno. Per enfatizzare la provenienza sportiva della macchina, le vetture sarebbero state chiamate Carrera RS e ne sarebbero state offerte due versioni, la M472 Touring (Stradale), che adottava tantissime soluzioni utilizzate sulla 911 S, e l’alleggerita M 471 Sport, più comunemente conosciuta come Lightweight.

Con stessa grande sorpresa di Porsche, il primo lotto di 500 auto è stato vendute in un attimo, semplicemente attraverso il passaparola, ancor prima che la Carrera RS facesse il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi del 1972. Così un secondo lotto di altre 500 vetture, la maggioranza con specifiche Touring, è stato deliberato per essere messo in produzione. Porsche, nel frattempo, aveva realizzato che il primo lotto era stato venduto sotto costo e così, decise di aumentare il prezzo di altri 1000 Marchi Tedeschi per le seconde 500 vetture, ma malgrado questo, anche il secondo lotto è andato rapidamente esaurito, prima che una terza produzione fosse deliberata e venduta, anch’essa, ad un prezzo ulteriormente maggiorato. Alla fine, sono state prodotte un totale di 1.590 Carrera RS (includendo i prototipi e le auto usate per l’omologazione).

Sia la Carrera RS Touring che la sorella in versione Sport, facevano ampio uso di parti alleggerite. La fibra di vetro era usata per il cofano del motore e per il paraurti anteriore e posteriore (i modelli Touring della Serie 2, invece, hanno i paraurti in acciaio). La forma del pannello laterale posteriore, è stato magistralmente allargato per accogliere le gomme ed i cerchioni da 7″ (mentre gomme e cerchi anteriori sono rimasti da 6″). Quello che poi diverrà una delle caratterizzazioni più importanti della RS è lo spoiler a “coda d’anatra” montato sulla parte posteriore. Lo spoiler è stato aggiunto sul cofano motore, dopo che i test in galleria del vento, avevano dimostrato che lo spoiler era molto utile per migliorar la stabilità alle alte velocità, riducendo il sollevamento causato dall’aria, della parte posteriore.

Mentre la versione Touring era pensata per un uso prettamente stradale, la versione M471

Lightweight era destinata alle corse club. Questa serie esclusiva, solo 200 le vetture prodotte, pesava solo 975 chili, 100 chili meno del modello Touring di serie, raggiunti grazie all’utilizzo di acciaio più sottile e meno resistente per le ali posteriori, il pannello del tetto, le porte ed i rivestimenti. I pannelli del tetto e delle porte sono più leggeri e sottili (e molto costosi) ed il vetro bianco, trasparente, è della firma belga Glaverbel. Questo vetro speciale equipaggiava la maggioranza delle Lightweights della prima serie, mentre ne erano dotate pochissime della seconda serie, anche se era disponibile con sovrapprezzo. Mancava l’isolamento antirumore, la moquette dei rivestimenti era sottilissima mentre semplicissimi erano anche i tappetini in gomma che coprivano il pavimento. Al contempo anche il sedile posteriore reclinabile, le alette parasole, l’orologio della plancia la radio e la porticina dello sportello porta guanti, erano stati tolti. I braccioli centrali solitamente di serie, e le maniglie erano rimpiazzate, rispettivamente, da delle manigliette in plastica ed una corda da tirare come apri portiera. La storia ci ha poi tramandato che la decisione del centro stile diretto da Tony Lapine di usare lettere “in negativo” per scrivere Carrera sulla parte inferiore della fiancata, è stata presa dopo che Lapine stesso vide i negativi delle foto della macchina quando, ancora doveva utilizzare la scritta “in positivo”.

Il cuore della Carrera RS era il nuovo 6 cilindri da 2.7 litri. Il motore da 2.4 litri preso dalla 911 S, faceva da base, con i pistoni da 70.4 mm ed i cilindri, rimpiazzati con pezzi da 90 mm, realizzati in alluminio e rivestiti in Nikasil (carburo di Nickel e Silicio) per migliorare la

lubrificazione e la durata.

Con la cilindrata maggiorata, il rapporto di compressiono di 8,5:1 e l’iniezione meccanica fornita dalla Bosch, il nuovo motore Tipo 911/83 sviluppava una potenza di 210 cavalli a 6300 giri/min. con una coppia massima di 27 kgm a 5100 giri/min. Nuovo anche il cambio a 5 rapporti, irrobustito, del Tipo 915, a rimpiazzare il vecchio Tipo 901 con la sua prima in basso.

Questa bellissima Carrera RS Sport della seconda serie, è stata la 649° RS costruita, e tra le 160 verniciate in Light Ivory (codice 131). Era rifinita con le scritte Carrera in rosso, e le razze dei cerchi Fuchs forgiati erano verniciate in abbinamento. L’interno era rivestito in finta pelle (leatherette) nera, e, come Lightweight, questa RS era dotata anche dei sedili Recaro competition, rivestiti in Nylon, con poggiatesta regolabile. C’e un misto di vetri Glaverbel e Sekurit, mentre il lunotto posteriore è riscaldato. La macchina è stata consegnata da nuova con alcuni accessori che facevano parte della dotazione della Touring, come lo sportellino del cassetto porta guanti e lo stemma Porsche smaltato sul cofano, al posto della decalcomania.

Il cofano posteriore alleggerito, ha anche un paio di ganci ferma cofano in gomma. Solo poche opzioni furono quelle richieste, ma includono il differenziale autobloccante al 40%. Come da specifica, sia l’orologio che la radio non erano state fornite.

Il telaio 600649 ha lasciato la fabbrica il 1° Febbraio 1973, per essere consegnato, attraverso l’importatore per l’Italia, al concessionario di Torino. La macchina ha trascorso parecchi anni in zona, con due proprietari locali prima di diventare di proprietà della ITALCLASSIC, una società posseduta dall’allora presidente dell’ASI (Automotoclub Storico Italiano), Vittorio Zanon (che ne è stato presidente dal 1987 al 1997), e gestita da Maurizio Tresoldi per suo conto. Nel 1995 è stata acquistata dall’attuale proprietario, sempre italiano. E’ con lui che, recentemente, la Carrera RS è stata sottoposta ad un restauro completo, effettuato presso la Tirelli Motorsport di Torino. Questo lavoro svolto con molta cura ed attenzione e solo recentemente terminato, ha avuto un costo nell’ordine dei 225.000 €, ed ha compreso lo smontaggio completo della macchina, che è stata riportata al nudo metallo, la riverniciatura nei colori originali, il montaggio di un interno totalmente nuovo e la completa revisione della meccanica. Il restauro è comprovato da una ricca documentazione fotografica. Il contachilometri riporta 67,000 chilometri, che si crede siano quelli originali.

Qui è offerta la rarissima opportunità di acquistare quella che è certamente, tra le Carrera RS M471 Lightweight più belle in circolazione, una macchina completamente restaurata di fresco, con il rispetto totale di ogni specifica originale sia dal punto di vista meccanico che estetico, con l’eccezione di pochissime modifiche apportate dal proprietario che includono un volante a quattro razze in pelle, una barra duomi anteriore, ed i due specchietti laterali esterni. La macchina, anche nel suo fondo, si presenta immacolata, sia dentro sia fuori. Non solo potrebbe essere una fantastica aggiunta a qualsiasi collezione dedicata alle autovetture sportive, ma potrebbe essere anche una valida pretendente al successo sia ai concorsi d’eleganza sia nei rally che si tengono in tutto il mondo.

Il suono del motore ad iniezione della Carrera RS a pieno regime è tra le emozioni più forti e selvagge che si possano provare e, 600649 è pronta ad offrire al prossimo proprietario l’intensa sinfonia di cui sa essere capace, mentre rende la vita difficile a numerose, anche moderne, vetture sportive.



Suggested lots

8 December 2018

The Petersen Automotive Museum Auction

Petersen Automotive Museum, Los Angeles, California

RM | SOTHEBY'S

17 - 18 January 2019

Arizona

Arizona Biltmore Resort & Spa, Phoenix, Arizona

RM | SOTHEBY'S